Banqueting House

 

 

Londra UK  

Scrivici  Scrivici

Alloggio a Londra, camere in condivisione Alloggi a Londra  Informazioni su Londra  Corsi di inglese  Lavoro a Londra  Hotel a Londra  Ostelli a Londra Canale Youtube di Londraweb.com


 

Sei qui    Visitare Londra  Cosa vedere a Londra 

Banqueting House

Passeggiando lungo la Whitehall, troviamo uno dei tanti capolavori dell'architetto Inigo Jones, la Banqueting House. L'edificio che la ospita si confonde leggermente con l'intera l'architettura del bel viale di Whitehall, non fosse per lo stile palladiano che ne arricchisce le classiche sembianze. Jones progettò la nuova Banqueting House nel Palazzo di Whitehall per Giacomo I, l'allora monarca. Nasceva una nuova architettura, mai vista prima in Inghilterra, che oggi porta l'edificio ad essere iscritto come maggiore monumento storico di Iº Grado inglese (Grade I listed building).

Advertisement

Banqueting House LondraL'edificio originario del XIII secolo, portava il nome di York Place, in quanto dimora cittadina dei vescovi di York. Ricordiamo di come la strada di Whitehall prima del XIX secolo fosse strutturata in maniera al quanto diversa dall'attuale: ospitava infatti il più grande palazzo d'Europa, il Whitehall Palace, principale residenza londinese della monarchia dal 1530 al 1698. Consisteva di ben 1500 camere e di una estensione totale di circa un chilometro. Il palazzo venne distrutto da un incendio nel 1698; l'unica area ad essere rimasta intatta fu la Banqueting house.

Banqueting House LondraTra il 1619 e il 1622 Giacomo I diede mandato a Inigo Jones (che si avvalse della sapiente collaborazione di John Webb) di realizzare quella che sarebbe rimasta l'unica memoria del grande palazzo reale di un tempo, un luogo magnifico. I viaggi in Italia del famoso architetto inglese, servirono da spunto. L'effetto finale fu straordinario, niente di simile era mai apparso prima di allora a Londra.

Advertisement

La Banqueting House consiste di una grande sale cubica, utilizzata un tempo come sala reale per banchetti, cerimonie e feste in maschera. Gli esterni, rivestiti in pietra di Portland, comprendono diversi livelli, ispirati ai palazzi rinascimentali italiani in stile palladiano. Il primo livello si presenta con una serie di eleganti finestre separate da colonne in stile ionico e da dei pilastri che poi si espandono verso il livello superiore; il secondo livello è caratterizzato da delle colone in stile corinzio e dai pilastri del piano inferiore, che separano le altrettanto eleganti alte finestre.

Gli interni del piano superiore ospitano la 'Hall', la grande e preziosa sala banchetti. La luce dorata emanata e i dipinti del soffitto rendono la sala ancor più raffinata di quanto uno si possa aspettare. I dipinti a pannello del soffitto si devono a Pieter Paul Rubens, da lui creati nel 1630 su commissione di Carlo I. Le enormi tele a pannello rappresentano l'Unione della Corona, l'Apoteosi di Giacomo I (la creazione del Regno di Gran Bretagna unendo i regni di Inghilterra, Scozia e Irlanda), accompagnato da figure mitologiche e il pacifico regno di Giacomo I, circondato a sua volta da figure allegoriche.

Diversi i personaggi raffigurati nei dipinti, tra cui lo stesso Carlo I, che si ammira in particolare nella tela dell'Unione della Corona: il padre Giacomo I è visto comandare il piccolo Carlo nell'assegnazione del trono, assistito dalla personificazione delle nazioni reali (Inghilterra e Scozia) e accompagnato dalla figura mitologica di Minerva. Il soffitto è visibile al termine di altissime pareti. La sala in effetti raccoglie ambedue i livelli esterni, ed è tutt'altro che piatta. I dipinti risultano incorniciati da del gesso impreziosito da motivi decorativi, mentre il sottosoffitto ?arricchito da una ricca balaustra color avorio.

Carlo I non poteva ancora prevedere che, in poco più di 10 anni, sarebbe stato giustiziato proprio di fronte a quello al Whitehall Palace, durante il periodo della Guerra Civile inglese e la presa del potere da parte di Oliver Cromwell. Ancora oggi è visibile la lapide con busto ad indicare la porta dalla quale uscì per l'ultima volta lo sfortunato Re. Dopo il processo nella Westminster Hall, il rifiuto di rinunciare al suo antico 'diritto divino' portarono il re al patibolo nel 1649. Da allora, Carlo I venne riconosciuto come martire della monarchia inglese e il 30 gennaio ancora oggi ?ricordato come il giorno del suo martirio.

Advertisement

Una volta all'interno, non mancherete di visitare anche la cripta della Banqueting House, la Undercroft, che si cela nei sotterranei dell'edificio. Originariamente venne progettata, sempre per Giacomo I, come un piccolo salotto privato dove poter stare comodamente in compagnia di un buon vino, nei momenti di maggiore relax o svago personale. Alla sua morte venne usata tuttavia per le lotterie della corte reale. La cripta si distingue per i suoi bianchi soffitti a volta e per la decorazione elegante ma modesta dell'intera sala, oggi in uso per diversi eventi privati (prenotabili online).

Ricordiamo, che la stessa Banqueting House è prenotabile per eventi privati come matrimoni, conferenze, pranzi e cene cerimoniali e ricevimenti in genere. Per informazioni seguire il link sotto esposto.

La Banqueting House è un luogo da non perdere, testimone prezioso dell'antica epoca della Londra reale. Peccato che i vecchi autobus rossi Routemaster non siano più in funzione, altrimenti vi sarebbe stato possibile scendere 'al volo' proprio all'altezza dell'edificio. La fermata la trovate sempre di fronte, ma dovete prenotarla per tempo prima di scendere.

Direzioni:

 

Banqueting House Whitehall

Londra SW1A 2ER

Tel: 020 3166 6150/6151/6152/6153

Fax: 020 3166 6159

Email: banquetinghouseevents@hrp.org.uk

Orari apertura: lunedì abato 10-17

Chiusura: domenica, maggiori giorni festivi, per eventi e cerimonie.

Metropolitane: Westminster, Charing Cross, Embankment

Bus: 3, 11, 12, 24, 53, 77A, 88, 159

 

Non perdetevi la pagina: Cosa vedere a Londra: 150 attrazioni

 

Torna su



Ritorna a Informazioni su Londra

|

 

Advertisement

 

 

 

Copyright © Londraweb.com