Millenium Bridge a Londra

Londra UK  

Scrivici  Scrivici

Alloggio a Londra, camere in condivisione Alloggi a Londra  Informazioni su Londra  Corsi di inglese  Lavoro a Londra  Hotel a Londra  Ostelli a Londra


 

Sei qui   Visitare Londra  Cosa vedere a Londra

Millenium Bridge Londra

Grandi i preparativi e il fervore che invaser?Londra per il nuovo millennio, diverse furono a questo proposito le inaugurazione alle nuove attrazioni della capitale. Tra le tante il Millienium Bridge fu, senza dubbio, la più nota ma anche la più discussa. Sospeso in quella parte del Tamigi che unisce la riva Bankside, nota per aver dato i natali alla Tate Modern, e la storica City, davanti alla Cattedrale di St Paul, il Millenium Bridge offre oggi un sicuro e suggestivo passaggio pedonale a migliaia di turisti e locali che approdano ogni giorno in questa attraente parte della città

Il suo compito, da diversi anni ?quello di ?allegerire? e facilitare il peso pedonale di due dei ponti principali di Londra, il Southwark e il Blackfriars Bridge (noto in Italia per la tragica e sinistra fine del banchiere Roberto Calvi) , o anche del più noto London Bridge, nelle immediate vicinanze. In effetti, il Millenium Bridge si pone tra le due rive di maggiore attrazione turistica del Tamigi: quella della Cattedrale di St Paul nella City e quella della celebre galleria d'Arte Tate Modern. Nelle immediate vicinanze, inoltre, troviamo il Teatro di Shakespeare (il Globe Theatre), il Southbank Centre, il Museo del Design, il Tower Bridge e altro di più

Advertisement

La struttura e l'architettura del ponte sono molto particolari, una combinazione di chiaro successo ingegneristico. Anche se, in effetti, da un punto di vista della stabilit?e dell'equilibrio il Millenium Bridge non ha sempre avuto giorni felici...non per altro è anche conosciuto con il nome di ?wobbly bridge?, il ponte tremolante. Nonostante il ponte sia oggi tutt?altro che traballante, per le 10.000 persone che lo attraversano ogni giorno la sensazione ?proprio quella di camminare sospesi sopra il fiume. 

Questo gioiello del XXI secolo londinese fu realizzato nel 1999 dalla combinata coppia di professionisti londinesi come Arup (ingegneri), Norman Foster & Partners (architetti) e Sir Anthony Caro (artista scultore), per un costo totale di oltre 18 milioni di sterline. Tuttavia, a ponte ultimato (giugno 2000) le critiche non tardarono ad arrivare: il costo superava di oltre 2 milioni di sterline il preventivo iniziale, i tempi di ?consegna? dell'opera furono ritardati di oltre due mesi e, principalmente, il ponte venne consegnato con dei preoccupanti problemi di instabilit?strutturale.

 

Coloro che tra il 12 e il 14 giugno 2000 hanno avuto la ?sfortuna? o la ? fortuna? (dipende dai punti di vista) di camminare sul ?Whobbly? bridge per eccellenza, pare abbiano sperimentato una sorta di fenomeno di risonanza che costringeva i pedoni ad andare di pari passo con le oscillazioni per mantenersi in equilibrio.

Le oscillazioni furono provocate dalla combinazione del notevole numero di persone che in quei giorni si servì del ponte (circa 9000), dal forte vento e ovviamente da particolari carenze strutturali. Ne seguìla chiusura per altri due anni e la successiva riapertura nel febbraio del 2002. Arup e Norman Foster non sono usciti molto bene da questa figuraccia.

 

Nonostante tutto poi le cose sono andate benissimo. Dalla sua riapertura non si ebbero altre nuove ?oscillazioni? e il ponte oggi si presenta come una delle attrazioni principali di Londra. Questo splendido ponte futuristico possiede la caratteristica principale di avere i cavi di sostegno al di sotto del piano pedonale, fattore che conferisce un aspetto elegante e slanciato alla sua struttura.

 

La migliore visione del Millenium Bridge ?da St Paul, o dalla opposta Tate Modern, da dove questo blocco di acciaio, largo 4 metri e lungo 330, appare quasi animato dalla linfa vitale del via vai pedonale, tanto che sembra di avere davanti agli occhi una delle tante opere esposte nella collezione d'arte moderna della vicina Tate. Assolutamente da non perdere!

Torna su

Ritorna a Informazioni su Londra     

|

 

Advertisement

 

 

 

 

Copyright © Londraweb.com