Old Royal Observatory

Londra UK  

Scrivici  Scrivici

Alloggio a Londra, camere in condivisione Alloggi a Londra  Informazioni su Londra  Corsi di inglese  Lavoro a Londra  Hotel a Londra  Ostelli a Londra Canale Youtube di Londraweb.com


 

Sei qui   Visitare Londra  Cosa vedere a Londra

Old Royal Observatory a Londra

L'Old Royal Observatory è uno dei monumenti più famosi di Londra e del mondo. ? qui che infatti ha sede il Meridiano Zero, la linea immaginaria usata dividere la terra meridiani e paralleli, per misurare il tempo e i fusi orari in tutto il mondo e per identificare l'esatta posizione di ogni angolo del pianeta.

L'edificio ?situato in un luogo dalle incredibili suggestione, la cui immagine ?a tratti catturata dalla bellezza del parco che lo circonda. Situato in cima alla collina del parco di Greenwich, lo si raggiunge a piedi in circa 15 minuti dal vicino National Maritime Museum, attraverso una piacevole passeggiata panoramica. A intervalli regolari ?possibile servirsi anche di un caratteristico trenino, in funzione dalle 10.30 alle 16.30. Arrivati in cima, ai piedi di questo antico Osservatorio reale, il tempo pare letteralmente essersi fermato, tanta è la bellezza del panorama offerto.

L'Old Royal Observatory venne fondato nel 1675 da Carlo II, anno nel quale venne creato e disegnato anche il parco di Greenwich. La costruzione venne affidata all'architetto reale Christopher Wren, mentre il titolo di astronomo reale venne conferito a John Flamsteed. A quest'ultimo si devono importanti lavori del settore, non ultimi gli studi da lui intrapresi nell'identificazione delle longitudini terresti, di utilit?vitale alla navigazione.

La storia dell'Osservatorio di Greenwich ?infatti legata alla determinazione della longitudine terrestre e a quello che oggi ? conosciuto come GMT, Greenwich Mean Time (Tempo Medio di Greenwich). Nel Seicento, la navigazione marittima andava sviluppandosi in maniera sempre crescente e Greenwich diventò la base di riferimento per la regolazione degli strumenti di bordo che permettessero di identificare con precisione il punto in cui ci si trovava e le rotte da seguire.

L'obiettivo originario dell'osservatorio era infatti quello di determinare una comune longitudine di partenza, il Meridiano Zero. Ben presto per consuetudine i marinai inglesi utilizzarono i calcoli lunari elaborati dall'astronomo londinese Nevil Maskelyne, usando come riferimenti le regole stabilite a Greenwich. Nascevano i calcoli fondati sul GMT (anche conosciuto come WET, West Europena Time). Tale consuetudine venne ben presto utilizzata a livello internazionale.

Nel 1884 la Conferenza Internazionale di Washington sullo studio dei Meridiani stabiL' Greenwich come sede convenzionale del Primo Meridiano di longitudine zero; da questa data le carte geografiche, nautiche e astronomiche e i cronometri di tutto il mondo sono regolati in base al meridiano di Greenwich. In seguito, nel 1978 si sarebbe anche adottata l'ora universale (Universal Time), in base alla quale ?oggi organizzato il fuso orario internazionale.

Advertisement

La linea immaginaria del meridiano di Greenwich ?da tempo oggetto di maggiore attrazione turistica, ?questa una linea tracciata sul selciato, al di sopra della quale una targa ne ricorda il punto di passaggio. Con la Linea Prime Meridian of the World (Centre of Transit Circle) si suddivide per convenzione l'emisfero occidentale terrestre da quello orientale. Recandosi nella Flamsteed House (la parte originale dell'Osservatorio), alle ore 13:00, si assiste inoltre al tradizionale abbassamento della sfera rossa, la 'Time Ball' posta sul tetto dell'edificio e che un tempo serviva ai marinai ancorati nelle 'docks' per regolare gli orologi di bordo.

Nello stesso luogo si ammira inoltre il Sheperd Gate Clock, l'orologio costruito da Charles Sheperd nel 1852, probabilmente il primo ad esporre il GMT al pubblico.

L'interno della Flamsteed House ospita il museo di astronomia e della navigazione e diverse gallerie del tempo (Time Galleries), parte del National Maritime Museum. Nel museo si ammira l'orologio di bordo di John Harrison, il famoso H4, tanto utile per il calcolo e il controllo delle longitudini di navigazione e per questo collaudato dal capitano Cook. Nell'edificio conosciuto con il nome di Meriadian Building si visita la sala della storia dell'astronomia, di notevole interesse educativo.

Di recente costruzione è anche il planetarium di Peter Harrison, un planetarium digital laser di tecnologia GLV (Grating Light Valve), tra le più avanzate del settore e che prende il nome dal suo finanziatore. L'entrata al planetarium avviene attraverso la parte sud dell'edificio, originariamente usato per le ricerche astronomiche. Alla ristrutturazione ?seguita anche la nascita dei centri educativi Weller Astronomy Galleries e Lloyd's Register Educational Trust Learning Centre.

Nel 1957 l'Osservatorio reale trasfer?le proprie operazioni e funzioni a Herstmonceaux (poi trasferite nel 1990 a Cambridge), divenendo il nuovo Royal Greenwich Observatory (RGO). Quello di Greenwich da allora ?conosciuto come il Old Royal Observatory.

Nel 2007 il National Maritime Museum attraverso la grossa rigenerazione strutturale di cui sopra (costata 16 milioni di sterline), ha inaugurato il Royal Observatory nuovamente a Greenwich.

Divenuto un importante centro per lo studio dell'astrofisica, nel 1967 l'Osservatorio gest?tra l'altro il telescopio Isaac Newton (INT) oggi situato a Las Palmas nelle Isole Canarie.

Direzioni:

Royal Observatory

Greenwich

London SE10 9NF

Seguire le indicazioni per Greenwich

Torna su



Ritorna a Informazioni su Londra

|

 

Advertisement

 

 

 

Copyright © Londraweb.com