Duca di Wellington

 

Scrivici  Scrivici

Alloggio a Londra, camere in condivisione Appartamento a Londra  Informazioni su Londra  Corsi di inglese  Lavoro a Londra  Hotel a Londra  Ostelli a Londra


 

Sei qui Informazioni su Londra Personaggi famosi Duca di Wellington

 

Duca di Wellington

Figura importante nella storia britannica ed europea, il duca di Wellington, al secolo Arthur Wellesley, nacque a Dublino nel 1769. Verr?conosciuto come un importante militare e statista inglese, noto in particolare per la sua vittoria su Napoleone nella Battaglia di Waterloo.

I titoli e i sopranomi meritati da questo eroe inglese quasi si perdono nel tempo: duca di ferro, liberatore d'Europa, salvatore delle nazioni, Primo Ministro, Principe, Comandante delle forze armate, e altri ancora. Sono molti gli storici convinti che in assenza delle sue gesta a Waterloo, la storia d'Europa avrebbe potuto prendere una piega assai diversa.

La sua era una famiglia della piccola nobilt?inglese, da tempo trasferitasi in Irlanda. L'educazione scolastica iniziòin un istituto religioso nel Paese natale, quindi a Eton in Inghilterra. Visti gli scarsi risultati scolastici e i problemi economici della famiglia si trasfer?con la madre a Bruxelles, in Belgio. Si arruoL'in seguito nell'Accademia di equitazione militare francese ad Angers, nella Francia nord-occidentale.

Advertisement

I continui problemi economici della sua famiglia portarono il giovane Wellesley ad impiegarsi in diverse campagne militari. Nonostante il suo stile di vita preferiva i salotti alla moda, l'arte e la musica. Nel 1787 venne assegnato alla fanteria scozzese di MacLeod's e nel 1790 al 76? Reggimento irlandese, con il titolo di tenente. A Dublino divenne il principale assistente militare di Lord Buckingham, nuovo Lord Luogotenente d'Irlanda. Dal 1791, seguirono altri importanti posizioni e titoli militare, dopo un suo sporadico interessamento politico dove venne eletto membro del Parlamento in Irlanda. Erano questi titoli acquisiti non tanto per meriti in campo, quanto per compravendita, importante consuetudine dell'aristocrazia europea che nel Regno Unito prendeva il nome di Sale of Commissions.

Si dice che il giovane Wellesley si affrett?ad acquistare i titoli militari anche a seguito del rigetto iniziale della famiglia di Kitty Pakenham, che non vedeva di buon occhio la relazione con il giovane militare inglese.

Fu così che il futuro duca iniziòa prendere seriamente la carriera militare: fu uno dei principali protagonisti nel 1794 della Battaglia delle Fiandre e della Campagna delle Indie nel 1900.

In India, che a quei tempi era governata da suo fratello maggiore Richard come Governatore-Generale, partecip?a quella che oggi viene vista come la campagna coloniale della Compagnia Inglese delle Indie Orientali. Era questa la quarta e ultima Guerra di Mysore, contro il Sultano Tipu (oltretutto fedele alleato della Francia di Napoleone), con la quale si vuole dare inizio ufficialmente al potere coloniale dell'Impero britannico in India, iniziato con il controllo commerciale e culminato con quello politico, amministrativo e culturale.

Wellesley decise di rimanere per qualche tempo a Mysore i India come sovrintende-generale, stabilendosi in quello che un tempo era il Palazzo estivo del sultano, lo splendido Palazzo di Amba Vilas. In questa piccola regione dell'India del Sud, Wellesley si concentr?ella riforma del sistema fiscale e giudiziario e nella cattura di alcuni ribelli locali. Nel 1802 venne nominato Colonello-Maggiore e chiamato al commando della Campagna contro il Regno Maratha, sempre in India.

Al suo rientro in Inghilterra, nel 1805, le sue doti militari incominciarono ad essere apprezzate da tutti, tanto che venne nominato Cavaliere dell'Ordine del Bagno. Ricevete quindi permesso di sposare Kitty Pakenham, con la quale si un'in matrimonio nel 1806.

All'impegno politico, comunque di successo, veniva sempre sovrapposto quello militare che continuò in Portogallo e in Francia, dove divenne Comandante dell'Esercito britannico durante la Guerra peninsulare iberica. Il titolo per il quale ?oggi conosciuto nei libri di storia di tutto il mondo, duca di Wellington, gli venne conferito nel 1814. Nello stesso anno servì la corona britannica in Francia, sconfiggendo i francesi nella Battaglia di Tolosa e divenendo nel contempo ambasciatore.

Durante lo svolgimento del Congresso di Vienna, dove Wellington rappresentava il suo paese, venne richiamato in tutta fretta in servizio per la via della fuga di Napoleone dall'Elba. Di li a poco fu il maggiore protagonista (in quanto vincitore) della battaglia Battaglia di Waterloo. Era il 1815 un anno importante per il destino della nuova Europa. L'impero napoleonico era definitivamente tramontato e Napoleone esiliato nei suoi ultimi anni nella sperduta isola di Sant'Elena, nell'Atlantico del Sud.

Grazie alla sua vittoria su Napoleone, il 1? duca di Wellington divenne Comandante in capo dell'esercito inglese nella Francia occupata, venne insignito del titolo di Cavaliere della Grande Croce e del titolo di Principe di Waterloo dall'allora regnante olandese Guglielmo I.

Ritornato in Inghilterra nel 1819 si propose nuovamente al mondo della politica, unendosi al governo di Lord Liverpool come Commissario generale militare, svolgendo inoltre notevoli lavori di origine diplomatica all'estero.

Nel 1828, la sua fama in patria, aveva ormai raggiunto livelli straordinari, tanto da diventare il nuovo Primo Ministro inglese, nelle file del partito Conservatore. Apsley House, ad Hyde Park, fu la sua residenza principale, al posto del celebre n.10 di Downing Street.

Durante il suo mandato politico si ricordano in particolare le battaglie per l'emancipazione cattolica, per la quale ebbe duri scontri con Lord Winchlsea, con il quale si scontrè anche in un famoso duello nel Parco di Battersea. Lo stesso anno, nel 1829 la legge Catholic Relief Act pass?con un atto del Parlamento, garantendo diritti civili a coloro che nel Regno Unito professavano la religione cattolica.

In seguito, la sua opposizione alla riforma elettorale provocè il crollo della sua popolarit? Il Governo Wellington fu sconfitto nella Camera dei Comuni e venne sostituito da quello di Lord Charles Grey. La riforma venne infine votata nel 1832, dando inizio ai dovuti cambiamenti del sistema elettorale britannico.

Dopo avere rifiutato una seconda chiamata come Primo Ministro ed essere stato nominato Ministro degli Esteri nel governo Peel, il duca si ritir? a vita privata nel 1846, all'et?di 77 anni. Continu?tuttavia a tenere la posizione di Comandante in capo delle forze britanniche.

Prima della sua scomparsa avvenuta 6 anni dopo, riusc?ad organizzare una resistenza militare contro un possibile scoppio di violenza da parte della frangia del movimento popolare Cartista riunitasi a Kennington. Le sue spoglie sono oggi conservate nella Cattedrale di St Paul accanto a quelle di Lord Nelson., senza questi due grandi comandanti la storia europea, non solo inglese, sarebbe probabilmente diversa.

Oggi sono numerosi oggi i musei, le case e i monumenti dedicati alla memoria di Wellington. La città di Wellington in Nuova Zelanda ?anch'essa dedicata alla sua memoria.

Ritorna a Informazioni su Londra

|

 

Advertisement

 

 

 

Copyright © Londraweb.com