Virginia Woolf

 

 

Londra UK  

Scrivici  Scrivici

Alloggio a Londra, camere in condivisione Appartamenti in affitto a Londra  Informazioni su Londra  Corsi di inglese  Lavoro a Londra  Hotel a Londra  Ostelli a Londra


 

Sei qui Informazioni su Londra Personaggi famosi Virginia Woolf

La vita di Virginia Woolf

Virginia Woolf (nata come Adeline Virginia Stephen il 25 Gennaio 1882) deve la sua fama mondiale al talento ma anche ai suoi scritti polemici, ai primordi del femminismo. Il suo tentativo di abbandonare il romanzo di stampo realista-psicologico in favore di un romanzo di tipo ?moderno?, abbracciando nuovi modi d'espressione in grado di descrivere la vita (o come la descriveva lei, L'?attraversamento delle  apparenze?) fu criticato ma anche osannato da molti dei suoi contemporanei.

Nata in un ambiente agiato e colto, settima di otto fratelli, in parte provenienti dai precedenti matrimoni dei genitori, Virginia viene educata all'interno della casa di famiglia, al 22 Hyde Park Gate a Kensington.

Advertisement

Insieme alle altre due figlie femmine, Vanessa e Stella, riceve un'ottima istruzione con insegnanti personali, sotto le attente cure della madre Giulia. Virginia e il fratello Thoby manifestano subito la loro inclinazione letteraria  e danno vita da bambini ad un giornale domestico, che chiamano L'?Hyde Park Gate News?, una specie di diario fantastico di famiglia. I maschi di casa studiano a Cambridge. Qui il fratello Thoby conosce Leonard Woolf, futuro marito di Virginia, Clive Bell, Saxon Sydney Turner, Lytton Strachey e Maynard Keynes, che insieme costituiranno il nucleo del Gruppo di Bloomsbury.

L'ambiente familiare ?molto stimolante, a prescindere dalle disparit?di trattamento, la casa ?frequentata da scrittori, giornalisti, editori e artisti in genere, la biblioteca del padre, Leslie Stephen, ?sempre aperta e tutti i figli possono scegliere liberamente cosa leggere.  L'improvvisa morte della madre, nel 1895, è un durissimo colpo per tutta la famiglia. Virginia ha 13 anni e viene segnata fortemente da questo lutto in concomitanza del quale soffre le sue prime crisi depressive. La sua vita cambia completamente. Il padre si rinchiude in se stesso. Stella, la sorella più grande, prende il ruolo della madre ma poi si sposa e muore poco dopo. Virginia e Vanessa si ritrovano in una casa di maschi e sono costrette a contrastare l'autoritarismo del padre. Si verificano anche episodi di violenza sessuale da parte dei fratelli George e Gerald D..

L'angoscia e la depressione mentale s?impossessano di Virginia e non la lasceranno più Il padre muore nel 1904 e questa perdita permette a Virginia e alla sorella di coltivare le loro passioni, la scrittura e la pittura.

I ragazzi  Stephen una volta rimasti soli vanno a vivere  al 46 di Gordon Square, nella zona di Bloomsbury, dove prendono l'abitudine di riunire intellettuali e artisti, si forma il cosiddetto "gruppo di Bloomsbury". 

Virginia in questo periodo d'ripetizioni serali alle operaie di un collegio della periferia, milita nei gruppi delle suffragette e pubblica le sue prime critiche letterarie. La sofferenza dell'adolescenza è ancora presente e si verifica un nuovo lutto: quello dell'ammirato fratello Thoby. A questa sofferenza si aggiunge il matrimonio di Vanessa, che pur rimanendo legata fortemente a Virginia si distacca fisicamente da lei.

Nel 1911 Virginia si trasferisce al 38 di Brunswick Square. L'anno successivo Leonard Woolf, autore e giornalista, amico del fratello scomparso, diviene suo marito e insieme decidono di vivere di scrittura. Leonard e Virginia sono legati da una profonda complicit? Il marito la incoraggia sempre e si dimostrerè un compagno sensibile e attento. Le riunioni del gruppo di Bloomsbury si spostano a casa dei coniugi Woolf e nel 1913 la scrittrice finisce il suo primo romanzo La crociera, che viene pubblicato due anni dopo. La depressione continua per?a tormentarla.

Nel 1917 i Woolf comprano una piccola casa editrice con L'intenzione di stampare un po? per hobby e un po? a scopo ?terapeutico?, per aiutare Virginia a stare meglio psicologicamente.

Con il marito si spostano fuori Londra a Richmond (Surrey) e in questo periodo la scrittrice crea, stampa e pubblica un paio di brevi storie sperimentali. Progressivamente la casa editrice, la  "Hogarth Press" diventa un vero business e finisce per svolgere un ruolo molto importante nella pubblicazione di autori "alternativi". Nel periodo tra le due guerre saranno pubblicati molti nuovi scrittori e diversi autori stranieri poco o male tradotti (T.S. Eliot, Katherine Mansfield, Freud, Rilke, Svevo, Gorki, Cechov, Tolstoj e Dostoevskij).

Nel 1922 la sua prima novella sperimentale Jacob?s Room appare. La camera di Jacob è il suo primo racconto destrutturato, una specie di puzzle letterario che rompe con le regole del tradizionale romanzo psicologico realista. Nel 24 Virginia e il marito ritornano a Londra al 52 di Tavistock Square.

Nel ?25 è la volta di Mrs. Dalloway, poi Gita al faro nel ?27 dove Virginia fa rivivere la sua famiglia e le sue villeggiature a Talland House, in Cornovaglia a St. Ives.

Dal suo coinvolgimento amoroso con la poetessa Vita Sackville-West scaturisce Orlando, nel ?28, biografia immaginaria di un personaggio, nato uomo ma che diventer?donna, che attraversa quattro secoli di storia inglese. Il libro cela in realtè un poema d'amore dedicato a Virginia da Vita .

Vita e Virginia si erano incontrate per la prima volta nel 1922 a una cena da amici e da quel momento avevano cominciato a frequentarsi e a scriversi con assiduit? Rimasero sempre legate, oltre che dai sentimenti, dalla comune grande  passione per la scrittura.

Seguono due romanzi non convenzionali: Una stanza tutta per s?/i> del ?29, romanzo di sfida al maschilismo dove si tratta della marginalizzazione delle donne dalla scena letteraria, e Le onde del ?31. In Quest'ultimo romanzo si leggono L'ossessione per la morte e la solitudine. L'orrore del nazismo che incombe, la paura per la sorte del marito di origine ebrea, peggiorano il suo stato mentale. Il suo ultimo romanzo ? Tra un atto e l'altro del ?41, riflessione sugli elementi fondanti della civilizzazione. Virginia Woolf si suicida nello stesso anno, annegandosi nel fiume Ouse.


Ritorna a Informazioni su Londra

|

 

Advertisement

 

 

 

Copyright © Londraweb.com